Portraits: Russki things

Quando sono tornato a casa la porta ha faticato ad aprisi sbattendo lievemente contro qualcosa. Era un aspirapolvere abbandonato, così, in mezzo al corridoio. Immediatamente ho realizzato di cosa si trattasse. Varcata la soglia dell’ingresso mi sono affacciato...

Found in translation

E così, come promesso, il resoconto del viaggio a Parigi. Non so quanto mi freghi di scriverlo o quanto sia fatto per quelli-a-cui-interessa. Anyway. Day one Questo primo giorno non è da considerarsi esattamente “primo”. E’ più che altro stato un...

Larger than life

E’ da premettere che sto stordendo la mia povera vicina con Joanna Newsom da giorni e giorni. Una volta l’ho incontrata in autobus e mi chiese cosa fosse quella musica che fa “Vuuuum vuuum”. Vabè, ho cercato di spiegarle cosa fosse la musica...

New wave?

Inutile dire che ho trascurato questo blog per oltre un mese. Non è tanto per mancanza di ispirazione quanto per un’insana voglia di rivoluzionare tutto e renderlo più “convenzionale”, per quanto possibile. Ovviamente è un’idea che mi è passata...

Capricorn

Finito di leggere “Tropico del Capricorno”. Uno di quei libri che ti rimangono marchiati a fuoco. Addosso. Letto in due ore “Lo straniero” di Camus, che avevo letto qualche anno fa in francese. In francese rende sicuramente meglio. E poi ha...

Just like LT (Wallace, Idaho)

L.T. era molto famosa, bella e bionda. Proprio perchè bella tutti la percepivano come una minaccia. E’ chiaro che, data la sua bellezza, non poteva essere certo anche intelligente, no. Era meglio parlare male di lei giudicandola dalle locandine o dalle...